lunedì 19 settembre 2011

Mi presento...

Eccomi qua!
Benvenuti nel mio spazio!
Sono Danielle Fiore, ho 25 anni e sono torinese. Nella vita sono laureata in storia romana e poso come fotomodella dal lontano 2008. Ho recitato come attrice in teatro per oltre 11 anni, approdando poi al canto lirico e, infine, al mondo del metal in cui sono attualmente impegnata nelle band Historica e Impaled Bitch.
Adoro i gatti tutto ciò che concerne l'arte, soprattutto quella fai-da-te come il découpage.

Ampio spazio è dedicato in questo blog al tema della storiografia, la mia più grande passione, senza però dimenticare la fotografia e la musica. 
Il blog è stato organizzato per darvi una lettura il più semplice possibile, con le varie pagine in alto e i contatti sulla destra (non dimenticate di dare un'occhiata al mio slide show e al mio photostream di Flickr ;)!)
Fatte queste premesse, non mi resta che augurarvi buona permanenza!


sabato 17 settembre 2011

Bellezze...moderne

Ieri sera navigavo su Facebook, quando nella pagina di un'amica ho visto la foto di una delle aspiranti Miss Italia 2011. Non sono avvezza a quel tipo di programmi (che reputo spazzatura), ma poiché la curiosità è donna, sono andata a cliccare. Lo spettacolo che si è aperto davanti ai miei occhi è stato quello di una ragazza appena ventenne (credo), capelli lisci, sorriso smagliante...e ossa terribilmente in vista. Ora,mi si conceda una digressione sull'argomento. Chiunque potrà notare che nell'ultimo secolo l'ideale estetico femminile è radicalmente cambiato, passando dall'incarnato roseo e pallido dei secoli precedenti (ebbene sì, come dimenticare gli ombrellini parasole delle donne vittoriane, le bianche mani tanto celebrate dai cantastorie medioevali, le profonde scollature color della neve delle signore settecentesche o il pesante strato di biacca delle matrone romane?) ad un colorito scuro, bruciato dal sole e ben spesso dalle dannose lampade dei centri estetici. Questo per quanto riguarda la pelle. Certo, l'abbronzatura non è affatto disgustosa da vedere rispetto ad un pallore "troppo" latteo e che ispira tutt'altro che salute, ma sembra che a nulla servano gli appelli degli specialisti nell'allarmare le donne e i bambini da un'esposizione prolungata al sole estivo. Per il fisico, dagli anni '50 del secolo scorso il discorso è ben peggiorato: dai fianchi generosi di miti immortali come la Monroe o la bellissima Hayworth siamo giunti, dopo un travagliato percorso, a fianchi quasi inesistenti, ossa del bacino in vista, costole sporgenti. Mi si potrà obiettare che "troppo grasso fa male", ma la mia non è per nulla un'esaltazione dell'abbondanza indiscriminata su fianchi e glutei, ma un'esaltazione del giusto, dell'equilibrio, della salute

Personalmente non amo personaggi come Dita Von Teese, ma il suo rilancio delle curve come arma della sensualità femminile è tutt'altro che da tralasciare (e dire che nel nostro paese ci sono donne che hanno iniziato questa ribalta già parecchi or sono, e sto parlando della bellissima Roxy Rose, la "burlesque woman" italiana che ho potuto ammirare all'opera lo scorso anno). Il problema è proprio questo: gli eccessi. Nel mondo odierno siamo abituati a bombardamenti mediatici di ogni tipo, che ci propongono ogni giorno eccessi che vanno dalle furiose litigate dei talk show agli "strazianti" servizi del telegiornale su uomini e/o donne obesi che chiedono aiuto per salvarsi la vita ad appelli di genitori che cercano di salvare le proprie figlie dal mito della magrezza eccessiva. Quante volte sentiamo o leggiamo di modelle appena 15enni morte d'anoressia? Molte, ma sembra che non bastino mai per destare l'attenzione su un problema reale, che non riguarda soltanto il mondo delle passerelle. Chi mi conosce sa come sono fatta, sa che non lesino mistero sulla mia taglia 46, sa che sono nel mondo della fotografia e dello spettacolo, e posso dirvi per certo che quello dei disturbi alimentari è un problema più diffuso di quanto sembri. Una figlia che fa la velina è certo un vanto, mi chiedo come possa esserlo una figlia sfruttata, vittima dei media, che oggi è esaltata e domani, quando magari metterà su qualche kg di "troppo", sarà gettata in un angolo, a favore della nuova arrivata. Fin qui, niente di nuovo. Si sa che il mondo dell'alta moda funziona così. Ma qui non si tratta solo di alta moda, si tratta di un ambiente underground, di una "guerra tra poveri": ho sentito più di una volta colleghe fotomodelle (e notate, parlo di fotomodelle al mio livello, ragazze non legate alle agenzie ma che, il più delle volte, si cercano i fotografi sui portali del web) asserire che "il giorno prima dello shooting, si mangia soltanto una mela, e per un'intera settimana niente pasta". (Se contate che posso mangiare per motivi di salute la pasta solo una volta alla settimana, potete immaginare come scattano i miei nervi di fronte a cose simili). 

Eccomi in versione pin-up per mano di Giulio Masoero



Direi che l'affermazione si commenta da sola. E non parliamo dei contest dove in palio non c'è nulla, dove tra poco devi pagare per partecipare, dove se sei una 44 sei grassa. Per cortesia, questo ragionamento lo accetto da un'agenzia (e già a stento), o da un noto brand di moda. Non dal primo locale che si mette in testa di fare una sfilata, facendo sfilare le amiche senza neppure retribuirle. Grasse sì, ma sceme no. Almeno non del tutto. Gelose? Neanche un po'. Nessuno dei miei partner si è mai lamentato della vita stretta e dei miei fianchi larghi, chi non apprezza o non ha apprezzato ha detto la sua (talvolta non senza provocare dolore, lo ammetto) e si è voltato dall'altra parte, ma vivo lo stesso. E così continuo la mia lotta, magari scattando meno ma sapendo che la mia salute va bene (o perlomeno, è nella norma) e che qualcuno, finalmente, comincia a togliersi le fette di prosciutto dagli occhi (chiedo scusa alla sensibilità dei vegani e dei vegetariani, ma l'esempio rendeva bene).


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...