martedì 29 novembre 2011

Recensione Månegarm - Vargstenen

Va bene, sono un po' off-topic, ma questa è la mia prima recensione ufficiale uscita per Webradio Mammuth e voglio condividerla con voi. Conoscete questa band? No?! Male, ragazzi, molto male! ;)




Mi accingo a recensire una delle più note band del 
panorama viking metal, gli svedesi Månegarm. Attivi sulle scene da almeno dieci anni, il gruppo scandinavo è reduce dalla sua primissima apparizione ad un festival italiano, il Fosch Fest tenutosi a Bagnatica (BG) lo scorso luglio e che ha attirato tantissimi fan non solo per loro, ma anche per i finnici Korpiklaani. “Vargstenen” è uscito nel 2007, ed è uno dei miei album preferiti. Non solo per le dinamiche molto vicine al death metal, ma anche per i bellissimi intermezzi melodici ed epici.
L’ascolto inizia subito forte con l’intro e la veloce “Ur själslig död”, in cui il cantante e batterista Erik Grawsiö alterna un cantato growl ad un melodico accattivante. Da segnalare anche il bell’intermezzo con voce femminile, molto dolce e cristallino. Il terzo brano, “En fallen Vader”, inizia ritmato come il precedente, e in un certo senso presenta la stessa struttura: più o meno a metà del pezzo, il quintetto svedese propone un intermezzo più calmo, cantato in melodico da Grawsiö. Segnalo il suo vocalizzo nella parte finale di questa parte, che si lega alla melodia del violino eseguita da Janne Liljeqvist.


Molto carine anche le due ballad di questo album, “Det gamle talar” e “Vargbrodern talar”, molto corte ma sicuramente d’effetto essendo completamente melodiche. Ma il brano migliore resta la title track, “Vargstenen”, un pezzo che inizia potente e veloce con tanto di doppia cassa, per poi stopparsi dopo pochi minuti per assumere tonalità più calme e riprendere, subito dopo, la stessa velocità iniziale. Il pezzo si presenta estremamente epico nei suoi contenuti (Vargstenen significa “la pietra del lupo”, e lo si capisce soprattutto dalla copertina dell’album). Da segnalare il finale, in cui i Månegarm riescono ad assumere connotati folk senza, però, introdurre strumenti quali fisarmoniche o tastiere. L’elemento di forza resta il passaggio della voce dal growl/scream al pulito, sempre aggressivo, e il coro cantato da tutta la band in chiusura della canzone. Brividi.


Di tutto altro stile, invece, la canzone successiva, intitolata “Vedergällningens tid”. Dai toni decisamente più allegri di “Vargstenen”, il pezzo si presenta più breve e segnalo l’ottima capacità del singer di adattarsi alle melodie vocali sostenute, in certi punti, prettamente dal violino. Chiude il disco la ballad “Eld”, cantata in coppia con una voce femminile dalla tonalità molto alta, che riesce a coprire perfettamente il timbro caldo e aggressivo di Erik.


Un disco aggressivo per quanto epico nei contenuti e nelle melodie pulite, sebbene la struttura un po’ troppo simile nei vari brani potrebbe sminuirne l’intensità. Ottimo anche l’uso parsimonioso della voce femminile , che avrebbe conferito al lavoro quel qualcosa di “già sentito” se fosse stata inserita ulteriormente. Un’ottima prova per questi svedesi, che speriamo di rivedere al più presto dalle nostre parti.



Miglior traccia: Vargstenen
Voto: 8/10 

Danielle Fiore 



Link alla webzine: Zanna Del Mammuth
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...