lunedì 24 giugno 2013

Shooting: Iuno, mother of Romans 1.0

I called this project in this way since I always loved the mythological figure of Juno. I'm working on it still and I'm not satisfied at all, many details needed to be added. That's why the title reports the number 1.0, it's a basic version of what I'd like to do then :)

This shot was just a test to see how I would look like with that dress and the tiara on. Anyway, I really enjoyed this one so I decided to upload it ^^
Tiara has been gifted my dear friend Julia :3



Picture by https://www.facebook.com/lelephotos
Editing, concept and styling by your medieval lady ;)

venerdì 21 giugno 2013

Il look da "Southern Belle"

Chi non ha mai sospirato guardando i meravigliosi abiti indossati da Rossella O'Hara nel celeberrimo "Via col  Vento?". E' da quando sono bambina che sogno di poter indossare un abito simile, pur non amando le crinoline e le gonne voluminose, e di poter vivere l'atmosfera degli Stati Uniti pre guerra civile. Tornare indietro nel tempo non si può, ma si può provare a riproporre il periodo. 



Girovagando nel web, ho trovato dei preziosi consigli per ricreare il perfetto look da Southern Belle (l'appellativo dato alle ragazze bene del sud degli Stati Uniti, tipicamente colte, da sposare e benestanti) e, in fondo, non siamo poi molto lontani da alcune regole d'etichetta tipicamente europee. 

1. Una donna di buona famiglia non avrebbe mai mostrato nulla al di sotto della propria clavicola prima delle 5 del pomeriggio.
2. Le ragazze sotto i 21 anni non indossavano mai il rosso.
3. Un copricapo era sempre indossato quando ci si trovava fuori casa.
4. Nessuna dama avrebbe mai tolto i propri guanti, neppure per ballare. Tuttavia, mangiare con i guanti era ritenuto molto maleducato.
5. I capelli erano sempre raccolti all'altezza della nuca, e la frangia spostata indietro e trattenuta con delle forcine. Le uniche eccezioni erano i balli.
6. Le maniche erano sempre lunghe, fino ai polsi, eccezion fatta per le piste da ballo.
7. Le fanciulle non maritate non portavano piume per ornare i capelli.

Non vi sembra di fare un passo indietro, per molti aspetti, nella nostra società vittoriana? Tenete a mente che questo dresscode era molto rigido, e le regole andavano rispettate per intero. Se vi apprestate quindi a riproporre un look simile, ricordatevi questi semplici consigli. 
L'abbigliamento da Southern Belle non è poi così complesso da realizzare, ma richiede alcuni capi che non si possono tralasciare:

- Corsetto, indispensabile per ottenere un punto vista stretto e tenere su il seno. Se non ne avete/sentite la necessità, potete anche evitare il moderno reggiseno. In commercio ci sono diversi tipi di corsetti, se volete essere corrette evitate quelli steccati in plastica e con l'apertura frontale (busk), privilegiando l'allacciatura classica sul retro facendovi aiutare da un'amica. Io (purtroppo) possiedo soltanto quelli con il busk frontale, ma so che manterrete il segreto :p


- Biancheria intima di cotone da indossare sotto il corsetto e la sottogonna, in modo che queste non entrino in contatto con la pelle.

- Crinolina, nota anche hoop skirt. Si tratta di un capo da indossare sotto la veste, fatta di diversi cerchi che terranno la gonna estesa nella classica forma "pomposa" che tutti conosciamo. La crinolina deve sempre lasciare le gambe libere di muoversi e non deve mai fare capolino dall'orlo inferiore del vestito. Eventualmente, se la stoffa della gonna è sottile, potete indossare una sottogonna per nascondere i segni dei cerchi (chiamata petticoat). 

- Cappelli, guanti e forcine sono indispensabili per completare il vostro look. Non dimenticate mai di tenere i capelli raccolti se volete fare bella figura! Utilizzate anche un make-up leggero, privilegiando fondotinta in tonalità chiare. Se uscite, ricordate cappello e parasole per proteggere la pelle dal sole. 

Le poche licenze che vi sono concesse sono quelle riguardanti le scarpe. Le fonti ci mostrano dei semplici stivaletti di cuoio, non molto belli alla vista ma, suvvia, nessuno verrà mai a guardarvi sotto le gonne. 


Follow these rules in english here, this is my own italian version! http://www.wikihow.com/Dress-Like-a-Southern-Belle

mercoledì 19 giugno 2013

The Cult of Beauty - A preraphaelite picnic

Last Sunday I attended a sweet event in Monza, near Milan. For the whole day we've been transported into ancient times, from preraphaelites to victorian atmospheres. I'd like to thank Victorian & Romantic Italian Revival for their hard work, as every year it has been a wonderful experience! I've also been chosen as hair model for the inspired hairstyles workshop, I was sooo excited since I love when people touch my hair ;) For the first time I was wearing something done with my own hands. 
I don't wanna write too much, let's picture speak by themselves. 

My hairstyle ;)













Pictures by:
Massimo Santo www.massimosanto.com



sabato 15 giugno 2013

My medieval inspirations

I was asking on my Facebook profile which posts I should write to make this blog more "active" since in this period I don't have many ideas. I'd like to thank my friend Rick for his suggestion, since he proposed me to write something about my main medieval inspirations. That's quite a great idea!
Many of you probably don't know I've been part of a reenactment group for several years, from 2004 to 2008. Before getting my dress from Armstreet I wore several dresses of the brand Leonardo Carbone but, if you wanna be the perfect reenactor, you need to do a little bit of research about fashion and dressing. I've always been in love with medieval fashion with a touch of fantasy elements, so you can imagine why I left the group to start the modelling activity.

I'm quite lucky 'cause I can get the medieval look perfectly since I've a very light skin and curly hair, that's true. Beside that, I always loved to look at other ladies and movies to find my own inspiration. The first one has been Sophie Marceau in "Braveheart". I simply love her long brown hair and her dresses, I'm currently looking to recreate her beautiful veil for some shots. I was very young when the movie came out, so her character impressed me a lot. 


 Then how can I forget the beautiful myth of Tristan and Isolde? I was 8 in 1994, when a short serial came out in Italy with Léa Bosco as Isolde: I felt in love with her blond hair immediately, and the fiction was not so bad. I also liked the recent movie, especially for the nice dresses displayed.





It was the same year when I watched for the first time "Lady Hawke". It has been love at first sight. The story is so full of magic and love, sadness and sorrow. I watch it every year (during Christmas, normally) and I cannot avoid to cry every time; you should watch it with your children, it's a very romantic story and most of the movie has been shot in Italy. 




But now, let's stop movies and legends. I'm currently checkin' out some historical costumes to sew by my own since I cannot afford new shopping at the moment. I found some very interesting models in the anglosaxon dress, the bliaut and the kirtle. These dresses are in chronological order, so the Anglo-Saxon is the first in our fashion story and the kirtle the last one, being used at the beginning of 15th century mainly in France and England.  The Bliaut was worn during 12th century in french courts and it has very beautiful long sleeves with side laces for a perfect fit: my dress from Armstreet is inspired to this model, but sides are not open. I think this is the most iconographic dress of the whole period. 


That's me in my bliaut inspired dress
The kirtle has a very tight fitting, as the cotehardie, around breast and waist, so avoid this model if you're not in shape (like me...sigh). Anyway, I love its long sleeves and the deep cleavage, I must try to reproduce it but in a larger size :P


For hair and make-up? Well, images and painting from the era are the best source. Wear less make up at possible (ok, this doesn't count for me, I wore many times grey or black eye shadows during shootings ^^') and  try to keep your skin as white as possible. The Norman beauty represented the ideal for the whole period, so the dresscode is quite clear: pale skin, light eyes, blond hair (better if curly). If you have 2 or 3 of these characteristics, you're ok (Yay! I miss the blond hair only, LOL).  

Then, after these boring space dedicated to fashion, the History of the period fascinated me a lot. I chose Roman history at University for several reasons but I always read about medieval times. I've always been interested in Crusades so Templars have been part of my own inspirations from ages! My ex boyfriend used to reenact a hospitaller knight due to the black clothing, but I've always felt more attracted by the red one, I consider it more christian (red is the colour of martyrs) :)






sabato 8 giugno 2013

Recensione: "Le grandi donne di Roma antica" di Furio Sampoli

Non c'è molto da dire su questo libro. Coinvolgente, critico, appassionante, specifico: questo è il succo del volume di Furio Sampoli, scrittore e biografo di Roma antica. L'ho acquistato mossa dalla tematica e dalla foto di copertina, poiché mi piaceva molto la posa e la gioielleria indossata dalla modella (ebbene sì, sono un po' frivola alle volte) e il prezzo era davvero conveniente.
Edito da Newton Compton, il volume si presenta come una breve raccolta delle esistenze, dei vizi e delle virtù delle personalità femminili che hanno caratterizzato la storia e il volto dell'antica Roma, partendo da Rea Silvia, la madre di Romolo e Remo, e giungendo a Galla Placidia, la figlia dell'imperatore Teodosio il Grande, passando per Cornelia, Cleopatra, Livia Drusilla, Messalina, Poppea, Agrippina. Un ritratto appassionato di queste donne, spesso denigrate dalla storiografia loro contemporanea o successiva, una storiografia spesso e volentieri fatta da uomini per soli uomini. La maggior parte di esse viene descritta come corrotta, lussuriosa, viziata, egoista: la verità, non la sapremo mai. Leggendo le parole di Sampoli emerge un volto più umano di queste figure, figlie di tempi in cui essere donna non era affatto facile, tempi in cui la seduzione, la bellezza, la caparbietà erano considerate le sole armi a disposizione del genere femminile per farsi strada in un mondo misogino. Dall'altro lato le virtù elogiate di Lucrezia, Cornelia, Elena, mogli e madri irreprensibili che daranno  anche la vita per i loro figli e la causa di Roma. 


Un libro da leggere in ogni occasione, prima di andare a letto o (data la stagione) in vacanza, in treno o a casa, magari sdraiate al sole, un saggio assolutamente da esibire sul vostro scaffale se amate il genere e l'argomento. L'unica pecca, forse, è l'elenco di nomi e avvenimenti che possono risultare estranei a un lettore del tutto ignaro della storia di Roma. 

Voto: 8,5/10 

giovedì 6 giugno 2013

La mia prima sottogonna self-made :)

La primavera sembra arrivata anche in quel di Torino, dopo settimane di piogge incessanti e un freddo a dir poco autunnale :) Con questo clima spunta la voglia di uscire, passeggiare, mangiare tanti gelati (qualsiasi riferimento personale è del tutto casuale), leggere sul balcone, fare, fare e ancora fare. Ultimamente mi sto dedicando al cucito basic, essendo completamente autodidatta non vado oltre progetti semplicissimi e elementari come le gonne (sono riuscita a prepararmi un costume da dama preraffaelita usando due cartamodelli  distinti ricavati da una vecchia enciclopedia del cucito di mia madre, utilizzando uno scampolo economico di shantung e ancora mi chiedo se davvero lo abbiamo fatto con le nostre manine...), quindi non sono proprio la persona adatta da ammirare-invidiare per le sue capacità :)

Detto ciò, sapete che, però, a me piace tanto condividere le mie piccole gioie quotidiane con voi e quindi vi mostro la sottogonna che ho cucito con l'aiuto amorevole del moroso: 


E' una semplicissima gonna a ruota recuperata da un vecchio lenzuolo di cotone, sono anni che mi ripeto di acquistare una tunica bianca da utilizzare per i costumi medioevali e non e, alla fine, non la compro mai. Realizzare un capo così è davvero semplice, spesso le istruzioni che trovate online sono complicate perché tecniche oppure in inglese (in italiano si trova poco), ma vi assicuro che cucire una gonna così è davvero elementare. Ho seguito un ottimo tutorial trovato per caso in rete di una ragazza che ne ha realizzate un paio per le sue bambine, devo dire che è davvero chiaro e immediato! La spiegazione è ottimale e per nulla complicata, se volete guardarlo cliccate qui http://www.lacasanellaprateria.com/2012/09/la-gonna-a-ruota/.
La parte più difficile è stata l'inserimento dell'elastico, ma è sicuramente colpa delle nostre scarse capacità. Ho semplicemente piegato il tessuto in due (bisognerebbe farlo in 4, ma va bene lo stesso piegata in due...), preso le misure del mio girovita divise per 3,14 e deciso la lunghezza della gonna, che per me erano di 114 cm. Da qui ho dapprima disegnato un semicerchio pinzando il metro al vertice del tessuto e seguendo una linea immaginaria che sarebbe diventata l'elastico della gonna (non è difficile, basta spostare un poco il metro e mettere subito lo spillo), e ho seguito lo stesso procedimento per l'orlo, realizzando una bella curva fino alla fine del tessuto. Ho poi cucito le due estremità ottenute, fatto un piccolissimo orlo et voilà, il risultato è quello che potete vedere in foto :)

Non è sicuramente l'elogio della perfezione, ma è nata per stare sotto alcuni abiti e non mi pongo troppi crucci. Vorrei anche ornare un poco il bordo con un bel nastro bordeaux.

Ho volteggiato per casa come una bambina perché desideravo da tanto una gonna così svolazzante e leggera, se non fosse che il tessuto è vecchio e non proprio bello ci andrei in giro :) Ho purtroppo coperto l'elastico con la camicetta (messa dentro mi faceva sentire degna di un'apparizione in Fantozzi) ma tenete presente che la indosso tranquillamente sia sopra sia sotto l'ombelico :) E allora, che aspettate a cimentarvi anche voi?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...